domenica 22 aprile 2012

Benvenuti in Italia, dove 4 cazzoni fermano la serie A

Quel che è successo ieri allo stadio di Genova ha dell'incredibile: quattro delinquenti fancazzisti si sono permessi di interrompere per 45 minuti una partita di serie A, e dico serie A non oratorio o calcetto fra amici, per protestare contro i propri beniamini, rei di non essere degni di indossare la maglia rossoblu del Genoa. Petardi, fumogeni, poi il blocco minaccioso del tunnel degli spogliatoi, la costante minaccia di un'imminente invasione di campo, per concludere con la richiesta categorica ai giocatori "Consegnateci maglie e pantaloncini, ora!". E così presidente, dirigenti, DIGOS e calciatori cosa fanno? Accontentano la richiesta di questi pseudo-hooligans, consegnando loro le maglie, prima che Sculli metta una buona parola con un capo ultras per far riprendere la gara con "soli" 45 minuti di ritardo. Una vergogna. In Inghilterra non sarebbe mai stato concesso a questi tizi di abbandonare il settore per cui hanno pagato, di spostarsi liberamente dentro allo stadio per arrampicarsi sulle balaustre, sulle reti ed infine sopra l'entrata degli spogliatoi. Inoltre, essendo essi a volto scoperto, sarebbero stati immediatamente identificati e fermati a fine partita, con relativo divieto a vita di frequentare impianti sportivi. Qui invece? Un emerito cazzo, il presidente genoano Preziosi farà l'offeso e l'indignato dopo aver fatto finta di nulla per anni ed anni di fronte al comportamento di queste merde. Abete farà come da copione l'affranto. La Lega calcio condannerà il fatto senza punire nessuno. E gli ultras potranno tenere in scacco quando vorranno il campionato professionistico più seguito del Paese. Benvenuti in Italia...

6 commenti:

  1. A me piace il calcio, ma non riesco a sopportare queste teste di cazzo. Quando offendono un giocatore dicendo che non è degno di indossare la maglia della propria squadra, non pensano mai al fatto che il suddetto gioca 4000 volte meglio di loro?

    RispondiElimina
  2. KUESTI SEE KE SN TRUE KAPITROLL.
    Diommerda il calcio che cancro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Il Wolverhampton questo weekend è matematicamente retrocesso dalla Premier League inglese dopo la sconfitta casalinga contro il Manchester City (2-0 per il City), ed i tifosi hanno continuato a supportare la squadra applaudendola... Imparare dagli inglesi mai, eh?

    RispondiElimina
  4. Sei togo quando cancelli i commenti che ti smentiscono, GG

    P.s. i tifosi del genoa daspati non andranno allo stadio per 5 anni

    RispondiElimina
  5. Io non sono del Genoa, ma dopo questa premesse vorrei porti una domanda: la serie A è davvero professionistica? La storia del calcioscommesse non potrebbe turbare chi fa sacrifici per seguire la squadra che ama? Giocatori pagati milioni che prendono altri milioni per truccare partite. Tutto ciò non ha senso, specie se si pensa alle persone che seguono il calcio in Italia. I tifosi del Wolverhampton sapevano di avere una squadra di merda, come il Novara o altre. Il Genoa ha un'ottima squadra, ma dimostra di non avere le palle e i tifosi hanno detto basta. Sculli è indagato nel calcioscommesse, così Milanetto: qualcuno ha fatto 2+2?

    RispondiElimina